Immobile in vendita a Botticino (BS) – Offerte entro 14 gennaio 2018.

La perizia degli immobili in vendita è disponibile al seguente link

Perizia Arch. Marco Rigosa

Questo è il testo del bando di vendita:

TRIBUNALE ORDINARIO DI BRESCIA
PROCEDIMENTI DI COMPOSIZIONE DELLA CRISI DA SOVRAINDEBITAMENTO

  1. 67/2016 e N. 114/2016

Giudice Delegato: Dott.ssa Vincenza Agnese

Organismo Composizione Crisi e Liquidatore: Dott. Giovanni Peli

 

ASTA TELEMATICA CON MODALITA’ SINCRONA MISTA

III VENDITA IN BUSTA CHIUSA A PREZZO RIBASSATO

**********

Il sottoscritto Dott. Giovanni Peli, Liquidatore ai sensi dell’art.14 novies, comma 2 Legge n.3/2012, in esecuzione dei decreti di apertura della procedura di liquidazione del patrimonio n. 67/2016 e n. 114/2016 in epigrafe indicate, emessi in data 13 maggio 2018, pone in vendita:

 

Lotto 1_Piena proprietà di unità immobiliare, abitazione su tre piani con autorimessa e posto auto esterno, giardino di proprietà ed area cortilizia al piano interrato, facente parte di complesso a corte aperta ad uso residenziale, ubicata nel Comune di BOTTICINO (BS), loc. Botticino Sera, in via Raffaello Sanzio n.10.

Il tutto è censito al Catasto Fabbricati con i mappali del fg.23, sez. NCT:

– mappale 710, sub 4, Cat. A/2, vani 9 e con rendita catastale pari a € 836,66;

– mappale 710, sub 14, Cat. C/6, cl. 2 e con rendita catastale pari a € 110,63.

– mappale 710, sub 7, Cat. C/6, cl. 1 e con rendita catastale pari a € 24,43

 

OFFERTA IN BUSTA CHIUSA

Offerta Minima:                               Euro 217.500,00

Rilancio Minimo Obbligatorio:       Euro 3.000,00

 

Lotto 2_Piena proprietà di immobile ad uso box/ripostiglio, al piano terra inserito in zona montana fuori dal nucleo abitato in Comune di BAGOLINO (BS), loc. Senglascalvi Dazarè, via Valle Dorizzo.

Il tutto è censito al Catasto Fabbricati con il mappale del fg.15, sez. NCT:

  • Mappale 7485, sub 4, cat. C/6, cl. 3 e con rendita catastale pari a € 43,95.

 

OFFERTA IN BUSTA CHIUSA

Offerta Minima:                               Euro 4.950,00

Rilancio Minimo Obbligatorio:       Euro 500,00

 

Dalla perizia si evince che è stata edificata una piccola tettoia non presente nel progetto depositato e nella pratica catastale.

Inoltre, l’intero fabbricato, secondo l’analisi del perito, risulta essere stato edificato abusivamente. È presente una pratica di condono del 1994, grazie alla L. 724/94 e smi, ma risulta sprovvista di protocollo comunale. L’unico protocollo esistente, da perizia, risulta essere quello riferito all’integrazione della pratica catastale del 10/07/1997 prot. 4071.

Essendo la zona soggetta a vincolo ambientale/paesaggistico ed idrogeologico la richiesta di condono, ai sensi della legge 724/90 smi, doveva essere trasmessa all’ente preposto per il parere paesistico/ambientale di competenza. Non essendo stato richiesto, la pratica risulta incompleta e quindi priva di provvedimento di Condono Edilizio. Da un ulteriore analisi, effettuata nel merito delle norme del P.G.T. vigente e del D.Lgs. 42/04 e smi il fabbricato non risulta sanabile.

 

Il tutto come meglio identificato e descritto nella perizia estimativa redatta dal geometra Marco Rigosa ed allegata agli atti, che forma parte integrante del presente bando e alla quale si rimanda per una più dettagliata descrizione dell’immobile.

 

Il Liquidatore propone la cessione degli immobili secondo la seguente procedura.

 

1) Condizioni della vendita

La vendita avverrà a cura del Notaio dott. Giovanni Posio, mediante la Rete Aste Notarili – RAN, servizio telematico predisposto dal Consiglio Nazionale del Notariato. Pertanto, gli offerenti potranno presentare un’offerta irrevocabile in busta chiusa recandosi dal Notaio dott. Giovanni Posio presso il suo studio in Via Fratelli Ugoni n. 32, Brescia, ovvero in forma digitale, presso lo studio del predetto Notaio Giovanni Posio o presso uno dei Notai periferici di cui all’elenco con gli indirizzi indicato al successivo punto 2.

 

2) Modalità di presentazione delle offerte

Le offerte irrevocabili potranno essere presentate, entro il termine ultimo delle ore 12.00 del giorno 14 gennaio 2019 (le offerte in formato digitale solo a partire dal giorno 7 gennaio 2019), richiedendo telefonicamente un preventivo appuntamento al numero 030/3773878 sia in formato cartaceo (busta chiusa) che in forma telematica (busta digitale), recandosi dal notaio delegato dott. Giovanni Posio presso il suo studio in Via Fratelli Ugoni n.32, a Brescia, ovvero presso i Notai con funzione di Notaio periferico, il cui elenco è reperibile sul sito www.notariato.it nella sezione RAN – Rete Aste Notarili, selezionando il link, nel corpo del testo, “(vai all’ELENCO DEI NOTAI ABILITATI).”.

 

3) Modalità di formalizzazione delle Offerte in busta chiusa

Per partecipare l’offerente, personalmente o a mezzo di terza persona, dovrà in ogni caso registrarsi presso il Notaio dott. Giovanni Posio o uno dei Notai periferici abilitati presentando un documento valido di identità e in caso di terza persona anche una fotocopia firmata del documento di identità dell’offerente e consegnando:

  • Per il lotto 1: due assegni circolari cauzionali intestati rispettivamente a “Composizione della crisi n. 67/2016” e a “Composizione della crisi 114/2016”, ciascuno con importo che sia pari ad almeno il 5% del prezzo offerto.
  • Per il lotto 2: un assegno circolare intestato a “Composizione della crisi n. 67/2016” con importo della cauzione almeno pari al 10% del prezzo offerto.

Se si sceglie di effettuare l’offerta in formato digitale si utilizzerà una postazione informatica riservata resa disponibile dallo stesso studio notarile dove è avvenuta la registrazione del soggetto.

Nel caso in cui l’offerente scelga l’opzione di effettuare l’offerta cartacea dovrà ritirare il modulo per effettuare l’offerta presso uno dei Notai sopra elencati oppure scaricarlo dal sito internet www.bresciaonline.it – sezione aste. L’offerente dovrà compilare il predetto modulo ed inserirlo in una busta bianca da consegnare a mani od inviare a mezzo del servizio postale al Notaio dott. Giovanni Posio. Sulla detta busta dovrà essere indicato, dal Notaio ricevente, l’orario di deposito dell’offerta, il nome di chi deposita materialmente l’offerta (che può anche essere persona diversa dall’offerente registrato), il nome ed il cognome del Notaio dott. Giovanni Posio e la data della vendita. Nessuna altra indicazione (né numero della procedura né il bene per cui è stata fatta l’offerta o altro) deve essere apposta sulla busta.

L’offerta d’acquisto dovrà contenere:

  1. La domanda contenente il cognome, nome luogo e data di nascita, codice fiscale, domicilio, stato civile, recapito telefonico del soggetto cui andrà intestato l’immobile e/o venduti i beni mobili e rimanenze (non sarà possibile intestare l’immobile a soggetto diverso da quello che sottoscrive l’offerta). Se l’offerente è coniugato in regime di comunione legale dei beni, dovranno essere indicati anche i corrispondenti dati del coniuge. Se l’offerente è minorenne, l’offerta dovrà essere sottoscritta dai genitori previa autorizzazione del giudice tutelare; se l’acquirente è una società l’offerta dovrà indicare la denominazione o ragione sociale, la sede, il numero di codice fiscale e di partita IVA; dovrà contenere inoltre le modalità di attribuzione dei poteri della persona fisica che rappresenta la società nell’offerta;
  2. l’indicazione del prezzo offerto che non potrà essere inferiore, a pena di inefficacia, ad Euro 217.500,00 per il lotto 1 e 4.950,00 per il lotto 2;
  3. Per il lotto 1: Due assegni circolari cauzionali, non trasferibili, intestati rispettivamente a “Composizione della crisi n. 67/2016” e a “Composizione della crisi n. 114/2016”, ciascuno con importo che sia pari ad almeno il 5% del prezzo offerto;

Per il lotto 2: un assegno circolare, non trasferibile, intestato a “Composizione della crisi n. 67/2016” dell’importo della cauzione pari al 10% del prezzo offerto.

  1. una marca da bollo da € 16,00, fotocopia del documento di identità, del codice fiscale e dello stato civile o estratto per riassunto dell’atto di matrimonio dell’offerente ovvero visura camerale aggiornata ad almeno 30 giorni prima del deposito dell’offerta se trattasi di una società, con i documenti del legale rappresentante munito dei necessari poteri di firma per il compimento di atti di straordinaria amministrazione.

 

4) Modalità della vendita

 

1) L’esame delle proposte di acquisto e l’eventuale gara avverranno a cura del Notaio dott. Giovanni Posio presso i locali della Sala “Libretti” del Giornale di Brescia in Via Solferino 22 a Brescia, piano primo alle ore 12.30 e seguenti del giorno 15 gennaio 2019.

Sarà possibile seguire la vendita in diretta streaming collegandosi al sito https://aste.bresciaonline.it. A un’ora di anticipo dall’inizio della diretta comparirà sulla home page del sito l’annuncio dello svolgimento dell’asta; in prossimità dell’orario di inizio l’annuncio sarà aggiornato e sarà attivo il link per poter accedere alla pagina di visualizzazione della diretta. Cliccando su “Segui la diretta live” si arriva alla pagina di visualizzazione.

2) Per partecipare alla gara telematica gli offerenti dovranno recarsi il 15 gennaio 2019 alle ore 12.30 dal Notaio dott. Giovanni Posio, presso i locali della Sala “Libretti” del Giornale di Brescia in Via Solferino 22 a Brescia, piano primo ovvero dal Notaio periferico presso il quale si sono registrati.

3) In caso di mancata presentazione dell’offerente alla gara telematica il bene potrà essere aggiudicato ugualmente al medesimo anche se assente; la partecipazione presso il Notaio periferico implica da parte dell’offerente l’accettazione del rischio di blackout informatico e la conseguente impossibilità di effettuare i rilanci.

4) Ogni partecipante alla vendita dovrà presentare offerta in busta chiusa senza segni di riconoscimento o offerta telematica con le modalità di cui al punto 1) “Condizioni della vendita” per un prezzo almeno pari a quello base indicato nell’avviso di vendita (€. 217.500,00 per il lotto 1; €. 4.950,00 per il lotto 2) accompagnata da:

– per il lotto 1: una cauzione suddivisa in due assegni circolari non trasferibili, emessi da un Istituto di credito operante in Brescia e provincia o assegni Banco Posta vidimati (rosa), intestati rispettivamente, a pena di inammissibilità dell’offerta, a “Composizione della crisi n. 67/2016” e a “Composizione della crisi n. 114/2016”, che dovranno essere dello stesso importo e rispettivamente di valore pari ad almeno il 5% del prezzo offerto;

per il lotto due: cauzione almeno pari al 10% del prezzo offerto in assegno circolare non trasferibile, emesso da un Istituto di credito operante in Brescia e provincia o assegno Banco Posta vidimato (rosa), intestato, a pena di inammissibilità dell’offerta, a “Composizione della crisi n. 67/2016”;

entro il termine ultimo delle ore 12.00 del giorno 14 gennaio 2019 (le offerte in formato digitale solo a partire dal giorno 7 gennaio 2019),

5) in caso di presentazione di una sola offerta valida si procederà all’aggiudicazione anche in assenza dell’offerente. Se l’offerta è pari o superiore al valore dell’immobile stabilito nell’avviso di vendita (€. 217.500,00 per il lotto 1; €. 4.950,00 per il lotto 2), la stessa è senz’altro accolta.

6) In presenza di più offerenti, si procederà alla gara tra gli stessi partendo dall’offerta più alta (rilancio minimo di €. 3.000,00 per il lotto 1; €. 500,00 per il lotto 2).

Ai fini dell’individuazione della miglior offerta si terrà conto dell’identità del prezzo, delle cauzioni prestate, delle forme, dei modi e dei tempi del pagamento nonché di ogni altro elemento utile indicato nell’offerta stessa.

7) Presentata l’offerta la stessa non può essere ritirata; e, in caso di gara, se l’offerente non si presenta l’aggiudicazione avverrà a favore dell’offerta più alta.

In ogni caso ogni definitiva determinazione circa la cessione dei beni in questione sarà soggetta all’autorizzazione degli organi della procedura. Ove gli organi della procedura autorizzino la cessione, verrà dato corso, da parte del Liquidatore Giudiziale al trasferimento dei beni aggiudicati a mezzo di rogito notarile;

8) l’aggiudicatario dovrà versare il saldo prezzo, al netto della cauzione, ed ogni altro onere inerente direttamente al Liquidatore Giudiziale dott. Giovanni Peli con studio in via San Giovanni Bosco 1/E entro il termine improrogabile di 90 giorni dall’aggiudicazione, e presentarsi presso lo studio del notaio dott. Giovanni Posio per la stipula dell’atto di vendita. L’aggiudicatario potrà procedere al pagamento del saldo prezzo anche mediante ricorso a mutuo contestuale al rogito notarile d’acquisto avanti al Notaio incaricato.

9) Eseguita la vendita e riscosso interamente il prezzo, si procederà all’eventuale cancellazione delle formalità pregiudizievoli sul bene.

10) Si precisa che il Giudice delegato può in ogni momento sospendere le operazioni di vendita qualora ricorrano gravi e giustificati motivi ovvero qualora il prezzo offerto risulti notevolmente inferiore a quello giusto, tenuto conto delle condizioni di mercato.

11) Il liquidatore può sospendere la vendita ove, nelle more della stipula del rogito notarile, pervenga, nelle forme sopra indicate (offerta in busta chiusa cauzionata), offerta irrevocabile d’acquisto migliorativa per un importo non inferiore al dieci per cento (10%) del prezzo di aggiudicazione: in tal caso si procederà a nuova gara, invitando gli interessati a competere sulla nuova offerta in aumento, con rilancio minino come sopra descritto  per ciascun lotto; ove nessuno degli offerenti intenda partecipare alla relativa gara, il bene verrà aggiudicato a favore dell’offerta più alta.

12) Le spese di vendita, comprensive (a titolo esemplificativo e non esaustivo) di imposta di registro o IVA calcolate a norma di legge, cancellazione delle formalità pregiudizievoli gravanti sugli immobili, trascrizioni, voltura catastale, oneri notarili, saranno a carico della parte acquirente e dovranno da quest’ultima essere versati direttamente e contestualmente all’atto di vendita.

13) La vendita avviene nello stato di fatto e di diritto in cui i beni si trovano, come visti e piaciuti e secondo quanto esposto e richiamato nelle perizie di stima, con tutte le eventuali pertinenze, accessioni, ragioni ed azioni, servitù attive e passive esistenti e/o imposte dalla legge vigente: la vendita è a corpo e non a misura; eventuali differenze di misura non potranno dar luogo ad alcun risarcimento, indennità o riduzione di prezzo; la vendita giudiziale forzata non è soggetta alle norme concernenti la garanzia per i vizi o mancanza di qualità o difformità della cosa venduta, né potrà essere revocata per alcun motivo; l’esistenza di eventuali vizi o la mancanza di qualità o difformità della cosa venduta o difformità dei beni compresi,  nonché oneri di qualsiasi genere ovvero derivanti dell’eventuale necessità di rimpiazzo dei beni usurati o mancanti o dall’eventuale necessità di adeguamento degli impianti o dei beni alle leggi vigenti, spese condominiali e quant’altro, anche se occulti o comunque non evidenziati nelle perizie o anche se comportanti la non commerciabilità di tali beni, non potranno dar luogo ad alcun risarcimento, eventuale risoluzione, indennità indennizzo o riduzione di prezzo, essendosi di ciò tenuto conto nella valutazione dei beni e dovendo l’offerente considerare le sopra descritte condizioni di vendita e l’alea ad esse connessa per determinare l’offerta.

14) Per tutto quanto non previsto si applicano le vigenti norme di Legge.

15) Per la visita degli immobili e per la conoscenza dei beni, dei diritti e di qualsiasi informazione è possibile rivolgersi alla società S-mart, con sede in Viale Italia n. 26, Brescia, indirizzo mail: servizi@smartufficio.it, telefono: 0305780453 dalle ore 9 alle ore 12.30.

16) Con la partecipazione alla gara gli offerenti dichiarano di essere a conoscenza di tutto quanto riguarda i beni immobili oggetto delle vendite all’asta di cui alla presente istanza e di avere preso visione e di accettare, senza riserva alcuna, le norme, le condizioni, i termini e le informazioni riportate nel presente documento e nei documenti ivi richiamati.

 

PUBBLICITÀ

Il Liquidatore Giudiziale provvederà a rendere pubblico il bando di vendita ed a garantire la massima partecipazione come segue:

1) Pubblicità sul Portale delle Vendite Pubbliche: https://pvp.giustizia.it/pvp/

2) Pubblicazione sul quotidiano “BresciaOggi” di un annuncio sintetico della vendita che rinvii alle pagine internet di cui al punto 1 e 3;

3) Pubblicità telematica sul sito www.astegiudiziarie.it dove verranno evidenziate le condizioni di gara e verrà messa a disposizione, per garantire la massima trasparenza, la citata perizia riguardante i beni immobili in formato non modificabile dall’utente;

3) Notifiche di legge.

4) Oltre ad eventuale ulteriore pubblicità a discrezione degli organi della procedura.

 

Brescia, lì

Il Liquidatore Giudiziale

dott. Giovanni Peli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *